IL VANTAGGIO

Commenti · 155 Visualizzazioni

Le situazioni e le esperienze che viviamo nella nostra vita sono le esperienze che dobbiamo vivere.

Le  situazioni e le esperienze che viviamo nella nostra vita sono le esperienze che dobbiamo vivere. Non hanno un peso particolare ne una particolare importanza. Non hanno su di noi più potere di quanto noi crediamo che loro abbiano.

Non sono positive o negative, semplicemente, per camminare a modo nostro nella vita, dobbiamo essere in grado di percepire in un altro modo. C'è sempre un altro modo di sentire e un altro modo di vedere, un saggio vede un vantaggio anche nel nulla, un saggio è in grado di essere su una posizione più forte rispetto alle situazioni ed alle esperienze che trova nella vita. E' capace di usare il potere della sua percezione e variare la propria posizione, che non vuol dire sopraffare la posizione di qualcun altro, no, quando si cammina nella gentilezza, nel calore, nella saggezza della comprenzione, in armonia con tutte le cose, allora, il vantaggio è quello di camminare in modo di non danneggiare nulla e nessuno.

Competere con qualcuno, ci blocca all'interno di qualunque cosa con cui ci si confronta, è il limite della nostra realtà, è il limite della nostra percezione. La realtà è un punto di vista, la nostra mente rende le cose reali. I limiti della nostra realtà sono le limitazioni che ci impongono, le limitazioni che impongono su di noi gli altri. Ma le uniche limitazioni imposte dagli altri su di noi sono quelle che noi permettiamo agli altri di imporci. 

Le uniche limitazioni imposte su di noi sono i limiti della programmazione.

I saggi non sono in competizione con nessuno, trascendono tutto, fanno un passo al di là del campo invisibile di controllo, essi determinano il proprio destino attraverso il potere della propria percezione. Se evitiamo di confondere le limitazioni con le responsabilità ci accorgiamo che la responsabilità è la capacità di gestire le cose. Le limitazioni sono l'impossibilità di gestire le cose. L'unica volta che le responsabilità sono delle limitazioni, è quando si hanno più responsabilità di quanto si può effettivamente gestire. L'unica volta che la responsabilità diventa limite, è quando la percepiamo come tale. E' possibile gestire qualsiasi cosa, la domanda da farci è ..."le nostre responsabilità sono reali? Sono veramente nostre responsabilità o sono le responsabilità del costrutto illusorio dell'ego? Le mie responsabilità sono in sintonia con il mio cammino ed in sintonia con la mia  vita? "

La  nostra capacità di allinearci al nostro vero cammino è direttamente proporzionale alla nostra capacità di abbandonare la complessità delle inutilità della nostra mente  intellettuale. Quindi... quante delle responsabilità nella nostra vita sono reali e quante di loro invece sono non essenziali alla mente intellettuale?

Come stanno le cose è il modo in cui stanno le cose! Tutto quello che abbiamo è quello che hai...dobbiamo fare il meglio con solo ciò che abbiamo, allora....visto che ciò che abbiamo è il potere della nostra percezione e la qualità della nostra risonanza vibrazionale, sfruttiamo al meglio le nostre cose cercando di capire che questo ha poco a che vedere con il pensare positivo, perchè quest'ultimo è sopravvalutato, il mondo dell'ego è pieno di pensatori positivi intrappolati all'interno delle illusioni delle loro menti, proprio molto positive.

Il meglio delle cose così come sono non ha assolutamente nulla a che fare con il pensiero positivo, che resta comunque un buon atteggiamento, ma ha a che fare con la capacità di capovolgere la prospettiva della percezione delle cose da un'altra angolazione. Tutto nella vita non è altro che avere la capacità di manovrare la prospettiva della nostra percezione intorno a qualsiasi cosa, così manterremo la posizione più forte rispetto a ciò che si incontra, nessuna reazione, nessuna mente, nessun parere e saremo seduti al di fuori della visione ristretta, trascenderemo i limiti. La realtà è un costrutto della mente, è un costrutto della percezione, spostare la percezione vuol dire spostare la realtà, spostandola percepiremo la nostra strada nella vita, percepiremo da tutti i punti di vista e nel percepire tutte le viste percepiremo tutti i modi....trovando la nostra strada, camminando nel potere della nostra percezione...

Leggi di più..
Commenti
Beanna 2 messi fa

Articolo stupendo!